mercoledì 18 ottobre 2017     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
Speciale Assemblea 2013

Cari Trevisani nel Mondo, era il secolo scorso, ma sono solo 40 anni da quando è stata costituita la nostra Asso­ciazione. Abbiamo raggiunto la piena maturità dopo un percor­so segnato da idee, progetti, vita delle sezioni, esperienze ed incontri tra gli emigrati sparsi nel mondo e da tanto e poi tanto lavoro offerto da persone che hanno creduto e tuttora credono negli ideali, fondamenta costitutivi sottolineati nel nostro Statuto. La storia dell'umanità ci insegna che una cultura universale della perso­na umana è formata da un insieme di culture, costituenti il patrimonio segnato da ogni generazione. Ci insegna, la sto­ria, che la cancellazione di ogni cultura comporta la perdita per tutta l'umanità, ci sradica dalle proprie tradizioni e ci isola da una vera emancipazione inte­grata. Vale per noi qui residen­ti ma soprattutto tocca gli Italiani all'estero se non viene mantenuto vivo l'uso della lin­gua, se non c'è alimentazione culturale, se non si propongono iniziative di carattere sociale, professionale e perché no, an­che economico, nei Paesi dove viviamo.

Siamo più che mai consa­pevoli di essere una Associazio­ne ancora necessaria, attuale e doverosa verso la società pro­iettata nel futuro. Siamo eredi di una specifica identità Trevi­sana che proviene da insoppri­mibili radici, espressione di una storia e di una civiltà millenaria, che ha percorso e si è fatta onore in tutto il mondo. Il vis­suto dei singoli che sono emi­grati, è diventata storia, dimen­ticata dalle istituzioni e quindi non inclusa nei programmi sco­lastici. La supplenza è a carico della sensibilità della nostra Associazione con in cattedra i "nostri emigranti", coordinati da una apposita Commissione.

È trascorso meno di un anno da quando ho accettato di prendere il testimone conse­gnatomi dal Presidente Comm. Giuseppe Zanini al quale vanno sentimenti di gratitudine e riconoscimento di aver condot­to con autorevolezza, per lun­ghi anni, l'ATM. Questa Assem­blea è per me e per tutti noi, non solo un dovere statutario ma anche un momento di ri­flessione per un rinnovato ri­lancio, che risponde al bisogno di riscoprire le ragioni di un impegno nel vasto campo della mobilità umana.

Positiva è stata l'occasione, offertami, di visitare numerose sezioni, di confrontarmi nelle zone di coordinamento, di veri­ficare i vari progetti, di vivere anche qualche problema e so­prattutto di conoscere ed in­contrare tante persone impe­gnate negli ideali comuni. A tutti voi, Presidenti, dirigenti ed associati va il plauso mio e del Consiglio Direttivo.

Viviamo in un momento difficile, la Trevisani nel Mondo cammina insieme con l'umanità intera e, ovviamente, con la comunità territoriale di riferi­mento, per cui le gioie e le spe­ranze, le tristezze e le preoccu­pazioni delle persone sono anche nostre.

generazione. I giovani tornano a rifare il percorso dei padri, dei nonni: emigrano. Sbagliato di­re, come si legge spesso, che dopo le braccia se ne vanno i cervelli. Un tempo hanno la­sciato ed anche ora lasciano l'Italia persone, persone intere, vere. I nuovi emigranti viaggia­no con il computer e il trolley, non emigrano per sopravvivere ma per vivere meglio, cercano occasioni, regole, rispetto per­sonale e professionale. Come in passato vanno a trovarsi quello che la madrepatria non riesce dare. Forse cercano un mondo semplice, in cui tutto sia chiaro e giusto, tutto sia perfettamente comprensibile.

Ai giovani Trevisani emigra­ti va una particolare attenzione, sollecitata anche dal nostro Co­mitato Giovani. A costoro dob­biamo far conoscere l'Associazione, la nostra vicinanza, il calore delle sezioni estere, in sintesi non lasciarli soli con la rete di internet. Seppur questa sia affascinante, immensa, libe­ra e possa creare una pericolo­sa euforia, alla fine non ti por­ge la mano accogliente, non ti offre un sorriso di fiducia o consolazione!

Vale anche per il nostro giornale, atteso, gradito, criti­cato se arriva in ritardo. Letto, riletto, apprezzato in Regione ed in tutto il Mondo. Le notizie arrivano velocemente o, come si dice, in tempo reale, ma con un clic non spariscono le pagi­ne. Lungi da me demonizzare internet, anzi, educhiamo noi stessi ad un sano controllo del­la rete e ad uno sviluppo di saggezza, il buon esempio può fare riferimento al nostro sito, vecchio e nuovo, alle nostre pagine del social network.

Ringraziamo ed incoraggia­mo i Giovani presenti nell'Associazione, sono portatori delle sensibilità delle nuove genera­zioni. Il Comitato Giovani, ora anche riconosciuto statutaria­mente, è attivo nel proporre soluzioni innovative, nella crea­zione di progetti specifici nel tema dell'emigrazione. Sono ancora pochi, ma molto vivaci e creativi. Attendiamo sviluppi.

In riferimento al bilancio consuntivo che andremo a discutere e spero, approvare, verifichiamo la tenuta dello stesso. Nonostante la forte di­minuzione dei contributi esterni e la conferma del costo delle quote associative, riscontriamo ancora un seppur piccolo ma significativo avanzo di bilancio. Vale il detto che la gestione è attenta ed oculata come con­viene ad un buon padre di fa­miglia.

Sento la naturale necessità di ringraziare il nostro fondato­re Mons. Canuto Toso per i fre­quenti incoraggiamenti, per la vigile e continua vicinanza all'Associazione, nonché per gli stimoli ed i consigli proiettati verso il sentiero del domani. Preziosissimo è l'apporto dell’'ufficio centrale, che ringrazio in particolare, ma vale per tutti, il Direttore Generale Riccardo Masini, il quale tra mille incom­benze e difficoltà riesce a dare sostanza ai desideri di tanti ed a gestire rapporti col mondo dell'emigrazione con lodevole capacità.

Infine confesso che non ho il dono dello scrivere, forse non esercitato nel tempo e quindi mi scuso delle carenze od omissioni. Sarei stato lungo e penoso per voi e ... per me.

Vi esorto tutti a non soffer­marvi nel guardare le foglie che cadono, bensì ad ammirare i fiori che sbocciano!

Arrivederci in Cansiglio.

Guido Campagnolo

Stampa  

Associazione Trevisani Nel Mondo Via Garbizza, 9 - 31100 Treviso
Tel. +39 0422579428 - fax. +39 0422547874
email - info@trevisaninelmondo.it