domenica 17 dicembre 2017     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
Cosa sta SUCCEDENDO in ITALIA

COSA  STA  SUCCEDENDO  IN  ITALIA?         

Gli scritti e le telefonate che dall’estero arrivano a Treviso hanno il tono di ”un allarme”, della cattiva immagine attribuita all’Italia dalla nostra stampa. In contrapposizione con l’appellativo ”Bel Paese” che non di rado si leggeva, e si sentiva dire, della nostra Nazione. Fino a poco tempo fa! Quando poi anche la stampa straniera si presta al gioco, facendone eco, si può immaginare lo stato d’animo dei connazionali italiani sparsi nel mondo. Specialmente quando alcuni politici arrivano a proporre l’ora di religione islamica nelle scuole, mettendola allo stesso livello con l’ora di religione cristiana! Dimenticando ancora una volta donde viene l’identità storico-culturale dell’Europa, dell’Italia in particolare. E ancor più ignorando la storia dei nostri emigrati (come è avvenuto finora nei testi scolastici ) e soprattutto la storia ideologica e politica dell’Islam.

Visitando fra settembre e ottobre le principali comunità italo-argentine e uruguayane è stato frequente l’amaro interrogativo: ”Cosa sta succedendo in Italia”? Non si rendono conto i giornalisti italiani che in tal modo “Si danno la zappa ai piedi”, secondo il famoso Detto. Cioè si auto-danneggiano, essendo pure loro italiani.

E chi sono invero quelli che favoriscono, e incentivano in tal senso i network di stampa e televisivi?  Proprio coloro che eletti dal popolo dovrebbero creare un clima di dialogo e di dibattito politico fra maggioranza e opposizione, anziché polemizzare fra loro con toni pressoché “pirateschi”. Un vero politico deve saper usare termini e modalità espressive corrispondenti al ruolo che svolge. Specialmente se riveste cariche istituzionali determinanti per il bene comune dei cittadini. Anche quando si sente accusato nella sua privacy, e non di rado calunniato, è più eloquente il silenzio, anziché usare il criterio dell’ auto-esaltazione perfezionista, o addirittura dell'occhio per occhio e dente per dente”. Storicamente ce lo insegna quel Maestro che pure Ghandi, il Padre dell’India, lo ha seguito. Cioè Gesù Cristo. Quanto danno politico ed educativo arrecano taluni programmi televisivi: laddove il dibattito fra i partecipanti manca assolutamente di un rispettoso dialogo. Al punto da interrompersi reciprocamente fra di loro in maniera convulsiva e violenta. Umiliante soprattutto quando ciò avviene da parte di politici che si dichiarano cristiani. In questo clima purtroppo cresce la disaffezione, e pure la frattura, fra i cittadini italiani e le Istituzioni. Ammirevole è stato invece il comportamento del Presidente della Regione Lazio, con la meravigliosa solidarietà della consorte.

La gente comune non si sente più rappresentata dallo Stato e dai partiti. E questo lo si avverte anche all’estero, fra i nostri connazionali, specialmente quando si sentono trascurati nel perseguire quelle finalità socio-culturali che danno risalto e prestigio anche all’Italia. Ad esempio: i notevoli tagli di contributi finanziari atti a promuovere la lingua e la cultura italiana fra i discendenti; la triste prospettiva di sopprimere le Sedi Consolari e addirittura qualche ambasciata. Siamo solidali a questo riguardo, con quanti nel mondo si danno da fare per contrastare questa errata e contraddittoria strategia dello Stato Italiano. L’abbiamo fatto su ”Trevisani nel mondo”, in concomitanza con il Gazzettino che riportava l’intervento di Ferruccio Bresolin, italo australiano, di Volpago del Montello. E’ in virtù dell’ispirazione cristiana, che anima la nostra Associazione, che ci sentiamo incoraggiati a fare la nostra parte, dovunque veniamo a trovarci, secondo quelle sagge indicazioni proposte dalla recente enciclica “Caritas in veritate” di Benedetto XVI°. Anche in risposta alle accuse rivolte alla Chiesa Cattolica di “intromettersi nella politica italiana”. ”La Chiesa non ha soluzioni tecniche da offrire, si legge nel Documento, e non pretende minimamente di intromettersi nella politica degli Stati. Ha però una missione di verità da compiere, in ogni tempo ed evenienza, per una società a misura d’uomo, della sua dignità, della sua vocazione…La sua dottrina sociale è al servizio della verità …Pertanto, i cristiani che operano in politica devono essere di esempio dimostrando responsabilità morale e dedizione per il bene comune, specialmente di fronte all’attuale crisi di moralità politica e sociale, che è stata la causa principale anche della gravissima crisi economica. E’ un appello che rivolgiamo in particolare ai politici eletti dagli italiani residenti all’estero e alle Associazioni che fanno unità socio-culturale con i connazionali cittadini del mondo.

 Canuto Toso


Associazione Trevisani Nel Mondo Via Garbizza, 9 - 31100 Treviso
Tel. +39 0422579428 - fax. +39 0422547874
email - info@trevisaninelmondo.it